IOTA

IOTA è una moneta criptata che si differenzia tecnologicamente da altre valute criptate.

A differenza di Bitcoin o Ethereum, IOTA non utilizza la blockchain, ma il cosiddetto “groviglio”. Il groviglio è una struttura di dati basata sul concetto matematico del Directed Acyclic Graph (DAG).

Le transazioni non sono controllate da Miner. Invece, IOTA raggiunge un consenso nella rete chiedendo a ciascun partecipante che vuole effettuare una transazione di approvare prima due transazioni precedenti. Questo processo garantisce che l’intera rete raggiunga un consenso comune sullo stato attuale delle operazioni approvate.

Convalida senza Miner

La ricompensa per la convalida delle transazioni precedenti è la conferma della propria transazione da parte di una transazione successiva. Ciò significa che nessun Miner (come nel caso di Bitcoin) è tenuto a ricevere una ricompensa finanziaria per la convalida delle transazioni. Di conseguenza, le transazioni nella rete IOTA sono sempre gratuite.

Inoltre, questa architettura offre un altro vantaggio. Mentre una catena di blocco rallenta con l’aumento del numero di utenti, la velocità delle transazioni di rete allo IOTA aumenta con l’aumento del numero di utenti.

Mentre una catena di blocchi funziona in sequenza, il Directed Acyclic Graph raggiunge il parallelismo in modo che le transazioni possano essere convalidate simultaneamente. Maggiore è il numero di utenti della rete IOTA, più sicuro e veloce diventa l’intero sistema.

Come già accennato, non c’è nessuna miniera. Tutti i 2.7 trilioni di gettoni IOTA sono già stati generati con il blocco Genesis. Il numero di gettoni IOTA non cambierà mai e quindi non è inflazionistico. Potete trovare il prezzo attuale dello IOTA, ad esempio, su Binance. È anche possibile acquistare IOTA lì.

I vantaggi di IOTA

  • Scalabilità: IOTA può essere scalato quasi a tempo indeterminato. Più utenti utilizzano il tangle, più veloce sarà la convalida delle transazioni.
  • Nessuna spesa di transazione: IOTA rimane sempre libero.
  • Decentramento: IOTA non richiede l’assenza di Miner ed evita la centralizzazione da parte di grandi società minerarie o pool.
  • Immunità quantistica: IOTA ha utilizzato una funzione di hashish trinitario appositamente sviluppato chiamato “Curl-P”, che dovrebbe essere immune agli attacchi dei computer quantistici.

Base per l’internet degli oggetti

Sebbene l’IOTA sia scambiato come una tradizionale valuta criptata, è stato progettato come base per l’Internet degli Oggetti e per le transazioni da macchina a macchina. La visione di IOTA è di diventare il nuovo standard per le transazioni machine-to-machine (M2M) e servire come base per le case intelligenti e le smart city.

L’Internet degli oggetti è da anni un argomento sempre più importante, sia nell’industria che nel settore privato. L’internet degli oggetti dovrebbe raggiungere i 50 miliardi di dispositivi connessi entro il 2020.

Nelle fabbriche moderne, le macchine raccolgono centinaia di dati e li trasmettono ad altre macchine per controllare la produzione. In agricoltura, i sensori raccolgono dati sui valori dei terreni e sul successo del raccolto. Le macchine agricole si muovono autonomamente e inviano i dati all’agricoltore. Nel settore privato, il bracciale fitness raccoglie i dati sul proprio corpo e li trasmette alla cassa malati.

Le auto elettriche non devono solo guidare autonomamente, ma anche pagare i pedaggi e l’assicurazione auto. L’ammontare dell’assicurazione auto dipende dal comportamento di guida del conducente, che viene misurato da sensori e trasmesso alla compagnia di assicurazione.

Come dimostrano gli esempi, l’IOTA non si limita alle sole operazioni di pagamento, ma può anche memorizzare informazioni all’interno di transazioni Tangle o addirittura distribuire e memorizzare grandi quantità di dati in transazioni multiple.

Anche in una piccola rete, sia essa una fabbrica o una rete di agricoltori, questo significa che potenzialmente migliaia di transazioni al secondo devono essere eseguite quando le macchine comunicano tra loro e condividono risorse.

I costi di transazione sono nell’intervallo micro. E’ qui che entra in gioco l’IOTA. La sua architettura lo rende ideale per i micropagamenti. Gli oneri imposti sulle operazioni renderebbero impraticabili i micropagamenti. Per fungere da spina dorsale dell’economia M2M, IOTA deve essere libero di usare.

Questo rende IOTA la moneta perfetta per la crittografia dell’Internet delle cose.

Fondazione IOTA e ICO

Il progetto IOTA è stato fondato nel 2015 da David Sønstebø, Sergey Ivancheglo, Dominik Schiener e Serguei Popov. Durante l’Offerta Moneta Iniziale (ICO) nel dicembre 2015, IOTA ha raccolto oltre 1.300 Bitcoin. Il team ha poi costituito un’organizzazione no-profit, la Fondazione IOTA con sede a Berlino, che da allora ha assunto l’amministrazione del progetto.

Partenariati

Anche se il progetto è ancora molto giovane, può già indicare una serie di partnership ben note. Con Fujitsu, Bosch e Volkswagen, IOTA ha trovato tre partner di fama mondiale che hanno ambizioni a lungo termine per l’utilizzo della tecnologia Tangle IOTA.

Le prime prove dei concetti sono già state presentate con successo da Volkswagen e Fujitsu. IOTA ha anche una partnership con Taipei City, l’amministrazione comunale della capitale di Taiwan. L’obiettivo della cooperazione è quello di creare una Smart City.

IOTA ha anche fondato il “IOTA Marketplace”. Il “IOTA Marketplace” ha più di 80 partner, tra cui aziende come Microsoft, Philips, Telekom, Fujitsu e Bosch. Lo scopo della piattaforma è quello di introdurre un mercato comune dei dati. I partecipanti sono incoraggiati a condividere i propri dati in modo sicuro utilizzando la tecnologia IOTA.

Critica dello IOTA

Per proteggere la rete dagli attacchi, IOTA si affida attualmente a un coordinatore. Questo coordinatore controlla le transazioni valide, che vengono poi convalidate dall’intera rete. Diversi problemi con questo coordinatore hanno portato la comunità di crittografia a chiamare la rete centralizzata. Il team di sviluppo ha spiegato di voler rimuovere il coordinatore il prima possibile.

Inoltre, IOTA è stato criticato da un team del MIT nell’agosto 2017. Il MIT aveva pubblicato un’indagine sugli esplosivi. Ha messo in discussione la sicurezza della funzione hash crittografica Curl-P sviluppata da IOTA. La vulnerabilità riscontrata avrebbe permesso di falsificare le firme per i pagamenti IOTA. Il MIT ha informato gli sviluppatori IOTA e il bug è stato risolto.

What is IOTA?

Risparmia il 10% sulle tue commissioni di Binance Trading: